PROGETTO VINCITORE - Dichiarazione universale dei diritti umani: l'Istituto Comprensivo "G.A. Colozza" di Frosolone (IS) testimonia l'articolo 26 comma 2


Articolo 26
...
L'istruzione deve essere indirizzata al pieno sviluppo della personalità umana ed al rafforzamento del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Essa deve promuovere la comprensione, la tolleranza, l'amicizia fra tutte le Nazioni, i gruppi razziali e religiosi, e deve favorire l'opera delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace.
...

31 gennaio 2017 Grazie Youssif!
Tappa non prevista, ma decisamente densa di emozioni e arricchimenti,quella del 27 gennaio! La lectio magistralis a scuola di U(ma)nità è stata tenuta da Youssif, giovane ghanese presente in Italia da circa tre anni! In un giorno dall'alto valore simbolico, RICORDO e sottolineo il 27 gennaio, Youssif ha raccontato la sua esperienza di migrante, il suo viaggio della speranza ancorato, tra mille ostacoli e tribolazioni,  nel porto sicuro dell'accoglienza...LAMPEDUSA-ITALIA-EUROPA! Una vita scampata più volte alla morte, piena di spietati carnefici  e traghettatori di "ingenti" speranze; una vita che, nonostante tutto, rimane tenacemente avvinghiata al terreno della propria realizzazione...insomma la storia di "uno" che ce l'ha fatta! Mentre racconta, con tono sommesso e dignitoso, i suoi occhi si riempiono all'improvviso di lacrime, la voce diventa quasi un sibilo impercettibile...è come se tutta la paura, scomoda testimone, riemergesse dalle acque putride della sofferenza! "YOU ARE THE YOUTH, YOU ARE THE FUTURE!", diceva rivolgendosi ai ragazzi. Tanto ancora si potrebbe dire su questa splendida persona, ma ciò che più di tutto mi ha colpito è stata la tangibile attenzione degli alunni, testimoniata da sguardi vigili e indagatori...La nostra scuola di U(ma)nità ha sicuramente raggiunto il suo apice...il 27 gennaio 2017! Ho dunque pensato, inevitabilmente, alle parole del  Presidente del Senato Grasso, al Convegno “Il peccato dell’indifferenza”, tenutosi giovedì 28 maggio 2015 : "...sono convinto che se la metà del tempo speso a indagare i costi fosse utilizzato per raccontare le loro storie qualcosa inizierebbe a cambiare. Sono convinto che anche l’opinione pubblica di quei Paesi che stanno dando una pessima prova di indifferenza, uscirebbe dalla paura, dall’egoismo, e  incoraggerebbe i propri governi ad agire con decisione e tempestività..." TESTIMONI...II A CASTELPETROSO...PRESENTI!!!

(ci sono 2 commenti)

avatar utente
il 08/02/2017
elisa - colozza, castelpetroso(IS)
ha commentato:
^

Dopo aver ascoltato la terribile storia di Youssif, ho capito che non bisogna descriminare le persone che hanno un colore diverso di pelle o modi diversi di vivere.L'importante è L'UNICITA'DELLE PERSONE!!!

avatar utente
il 07/02/2017
anna - IC G. A. Colozza, castelpetroso
ha commentato:
^

Il 27 Gennaio è venuto a trovarci Yussif, un ragazzo africano arrivato in Italia su un barcone. La sua storia è stata emozionante; si vedeva e si capiva che nulla per lui è stato facile. Ha affrontato ostacoli su ostacoli, ma non si è mai perso d'animo ed è giunto qui, dove ancora oggi cerca di rifarsi un futuro migliore con una ragazza e chissà anche con dei bambini!!! Tra l'altro la sua presenza è stata fondamentale perché il primo genocidio di Hitler fu proprio contro le persone di colore. Buona fortuna Yussif per una vita migliore!!!

Effettua il login o registrati, per inviare un tuo commento.