PROGETTO VINCITORE - Dichiarazione universale dei diritti umani: l'Istituto Comprensivo di Porto Viro (RO) testimonia l'articolo 14


Articolo 14 
Ogni individuo ha diritto di cercare e di godere in altri paesi asilo dalle persecuzioni.
Questo diritto non potrà essere invocato qualora l'individuo sia realmente ricercato per reati non politici o per azioni contrarie ai fini e ai principi delle Nazioni Unite.

20 gennaio 2018 Il nostro viaggio comincia
Il nostro viaggio comincia oggi….venerdì 12 gennaio 2018!! La nave della nostra conoscenza è salpata e sulle note di Pronti a Salpare di Eduardo Bennato abbiamo avviato il nostro percorso che è l’anima di un mirabile progetto il cui intento è approfondire, migliorare, adeguare, modificare, mutare, accrescere le nostre informazioni e il nostro punto di vista sul tema dell’immigrazione. La nostra riflessione è nata proprio dai versi di questa canzone che racconta la disperazione di chi scappa dal proprio paese, dalla propria terra natia per cercare una vita migliore altrove, in un’altra parte del mondo dove esiste solo l’Ignoto che spaventa, ma che infonde, allo stesso tempo, speranza in un cambiamento, in un’inversione di rotta, tali da essere concepiti come il riscatto dalla guerra, dalle ingiustizie, dalla disperazione, dalle vessazioni politiche a favore della conquista della dignità, di un lavoro, del rispetto, della libertà. In aula disposti in cerchio, dopo aver ascoltato la canzone e letto attentamente il suo testo, abbiamo individuato le parole chiave presenti in esso, meditando sul loro significato, e abbiamo condiviso le nostre opinioni; ci siamo anche interrogati su come NOI vivremmo quel viaggio senza una rotta, senza cibo, né acqua, al buio, su mezzi di fortuna, senza confort, senza sicurezza, senza certezza, avvolti dal NULLA di giorni vuoti segnati però dal desiderio di approdare vivi in un porto dove essere accolti con rispetto e tolleranza dopo essere stati avvistati dai fari o dai radar di una nave-salvezza. Abbiamo anche riflettuto sul nostro privilegio di avere una famiglia, degli amici, dei genitori che lavorano e ci assicurano il necessario e non solo, sulla fortuna di possedere una casa, di conoscere la nostra data di nascita, di praticare degli hobby, di conoscere l’agiatezza, di vivere in un paese civile, di non vivere l’esperienza della guerra, di essere al sicuro, senza la necessità di dover scappare via. Conclusa la prima fase dei lavori abbiamo avviato un’attività di brainstorming durante la quale abbiamo apposto su una valigia, disegnata su un cartellone, dei post it; su alcuni abbiamo scritto la nostra idea circa il termine migrazione; su altri abbiamo scritto le emozioni che immaginiamo possa provare un migrante durante il suo lungo e faticoso viaggio in cerca di fortuna. Questa valigia piena di parole, frasi, pensieri, rimarrà una testimonianza concreta del nostro percorso al termine del quale rivedremo le nostre risposte per scoprire se davvero la nostra interiorità si è arricchita, se davvero qualcosa in noi è cambiato sia nella mente, che nello spirito perché come ci siamo detti nei nostri momenti di riflessione comune NESSUN UOMO E’ MERCE DA VENDERE, PERCHE’ CIASCUN INDIVIDUO HA IL DIRITTO DI VIVERE UNA VITA DEGNA DI ESSERE VISSUTA IN UN MONDO MIGLIORE! 

(ci sono 7 commenti)

avatar utente
il 17/02/2018
Ginevra - scuola media Pio XII, porto viro
ha commentato:
^

OGNI UOMO HA DIRITTO ALLA SPERANZA! Ogni uomo ha il diritto di avere più possibilità, credendo alla realizzazione dei propri progetti di vita e ai propri sogni!

avatar utente
il 15/02/2018
Chiara - PioXII, Porto Viro (Ro)
ha commentato:
^

siamo pronti a salpare in un mare di conoscenze!

avatar utente
il 15/02/2018
Perla - Istituti Comprensivo, Porto Viro
ha commentato:
^

Io credo che un migrante, durante il suo viaggio, possa provare paura e spavento. Solo la speranza di un futuro migliore può indurre un giovane a lasciare la propria famiglia, ma penso che non sia facile intraprendere il viaggio da soli, senza i propri cari.

avatar utente
^

Auguro ai nostri ragazzi che si avverino le parole di Proust : "L'unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell'avere nuovi occhi"

avatar utente
^

Il valore educativo e culturale di questa progettualità è senza dubbio un’occasione unica per gli studenti e i docenti in primis, ma di riflesso anche per le famiglie e l’intera comunità scolastica. L’aver strutturato e pianificato diverse attività, tutte tese all’approfondimento e alla riflessione dei diritti umani, non può che contribuire efficacemente alla crescita e alla maturazione di ciascuno!

avatar utente
^

Circle time e brainstorming sono importanti metodologie che contribuiscono a creare integrazione all'interno della classe e anche in questo caso sono serviti a valorizzare le risorse e le differenze di ciascuno!

avatar utente
^

Il nostro viaggio è cominciato. Vediamo in quali terre-conoscenze approderemo...Buon viaggio a tutti...

Effettua il login o registrati, per inviare un tuo commento.