PROGETTO VINCITORE - Dichiarazione universale dei diritti umani: l'Istituto Comprensivo di Porto Viro (RO) testimonia l'articolo 14


Articolo 14 
Ogni individuo ha diritto di cercare e di godere in altri paesi asilo dalle persecuzioni.
Questo diritto non potrà essere invocato qualora l'individuo sia realmente ricercato per reati non politici o per azioni contrarie ai fini e ai principi delle Nazioni Unite.

11 marzo 2018 Intrecciati: una risposta alla sfida dell’integrazione
Giovedì 8 marzo sono venuti a trovarci, nella nostra scuola, i missionari della comunità di Villaregia che ci hanno proposto un incontro di sensibilizzazione ai temi dell’accoglienza. Padre Mariano, proveniente dal Porto Rico e   Luigina, originaria di Treviso, ci hanno introdotto nei viaggi della speranza che tanti immigrati affrontano, partendo dal nostro vissuto, dalla nostra idea di viaggio che è decisamente diversa dalla loro. La comunità di Villaregia ha attivato da qualche anno un progetto di ospitalità dei rifugiati chiamato “Intrecciati”: esso rappresenta una risposta alla sfida dell’immigrazione per umanizzare l’ospitalità e favorire l’inclusione sociale di chi scappa dalla povertà, dalla guerra e dalle persecuzioni alla ricerca di una vita migliore. Attualmente, sono accolti ben undici rifugiati che si sono lasciati alle spalle la famiglia, i sogni e gli affetti. Partendo dal Ghana o dal Niger, tutti hanno dovuto attraversare in camion il deserto del Sahara e, arrivati in Libia, hanno conosciuto l’orrore del carcere dove privazioni e torture non mancano di certo. L’attraversamento del Mediterraneo è avvenuto a bordo di gommoni stipati che odorano di morte ma anche di speranza. Questo incontro è servito ad aprirci gli occhi su una realtà a noi sconosciuta, fatta di miseria, totale mancanza di prospettiva per il futuro, disumanità: noi non possiamo neanche immaginare cosa possa significare vivere in un Paese dove la   vita è in pericolo! Empaticamente, abbiamo potuto percepire   loro tristezza dei giovani immigrati e abbiamo anche riflettuto su quanto possano far star male i pregiudizi infondati che spesso riserviamo loro. Grazie a queste testimonianze, abbiamo potuto dar voce, sentimento e dignità a tutti coloro che, con grande difficoltà, scelgono di intraprendere questo viaggio. Alla fine, eravamo tutti colpiti e storditi da ciò che avevamo ascoltato: la verità può far male, ma è l’unica possibilità che abbiamo per vivere al meglio la realtà.

vai al nostro blog

(ci sono 5 commenti)

avatar utente
^

Padre Mariano e la missionaria Luigina ci anno presentato l'argomento partendo da un gioco: ci hanno chiesto dove saremmo andati se avessimo avuto la possibilità di partire per un viaggio in aereo. Da qui è partita la riflessione sugli emigrati che non possono acquistare il biglietto aereo e affrontano il loro viaggio della speranza affidandosi a ogni mezzo di fortuna

avatar utente
^

Questo incontro è stato interessante perché ci ha fatto affrontare il problema secondo il punto di vista di chi lo vive in prima persona e non di chi giudica da fuori.

avatar utente
il 16/03/2018
Perla - Istituti Comprensivo, Porto Viro
ha commentato:
^

Gli sbarchi di massa di gente in fuga non devono essere oggetto di scompiglio, polemiche, delinquenza, ma ambizione ad accogliere, ad integrare, a proteggere, a salvare quanti non per loro volere ma per strane e inspiegabili congetture, vivono situazioni estreme dalle quali devono potersi riscattare con l’intervento e la collaborazione disinteressati di chi sta meglio. Ciascuno di noi può e deve offrire in tal senso il proprio contributo, ciascuno con le proprie capacità!

avatar utente
il 13/03/2018
Anna - IC Porto Viro-Pio XII, Porto Viro
ha commentato:
^

Questo incontro mi ha insegnato che, prima di giudicare, bisogna conoscere una persona con tutta la sua storia.

avatar utente
^

Uno degli obiettivi del progetto "Intrecciati" è formare le nuove generazioni ai valori dell'accoglienza dello straniero, rendendole testimoni e promotrici di una società più fraterna e solidale. Dopo aver ascoltato le varie testimonianze, abbiamo letto negli occhi dei nostri ragazzi commozione ma anche voglia di far qualcosa per promuovere il cambiamento. Hanno capito che ognuno di noi può contribuire a combattere l'isolamento e a favorire l'integrazione.

Effettua il login o registrati, per inviare un tuo commento.