Questa traccia
è connessa al concorso

Dichiarazione universale dei diritti umani: l'Istituto Comprensivo Giardini di Giardini Naxos (ME) testimonia l'articolo 26


Articolo 26
Ogni individuo ha diritto all'istruzione. L'istruzione deve essere gratuita almeno per quanto riguarda le classi elementari e fondamentali. L'istruzione elementare deve essere obbligatoria.
L'istruzione tecnica e professionale deve essere messa alla portata di tutti e l'istruzione superiore deve essere egualmente accessibile a tutti sulla base del merito.
L'istruzione deve essere indirizzata al pieno sviluppo della personalità umana ed al rafforzamento del rispetto dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali. Essa deve promuovere la comprensione, la tolleranza, l'amicizia fra tutte le Nazioni, i gruppi razziali e religiosi, e deve favorire l'opera delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace.
I genitori hanno diritto di priorità nella scelta di istruzione da impartire ai loro figli.

Dichiarazione universale dei diritti umani: l'Istituto Comprensivo Giardini di Giardini Naxos (ME) testimonia l'articolo 26



DATECI LE PENNE E NON LE ARMI!

La motivazione che ci ha spinto a lavorare sull’articolo 26 è nata dall’esperienza diretta che abbiamo vissuto con alunni provenienti da paesi in cui questo diritto viene ancora negato. Quest’esperienza ha rafforzato la nostra idea che l’istruzione è l’unica via per la libertà, che la conoscenza può affrancare l’uomo da tutte le schiavitù ed è la chiave per rendere l’individuo parte attiva della società. Nelle nostre attività curriculari trovano largo spazio i percorsi e le attività di approfondimento tematico,partendo dalla analisi e comprensione di alcuni articoli della Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo, relativi alle libertà fondamentali e alla lettura e riflessione di commenti, di testi narrativi contenenti diverse esperienze, competenze relative alla cittadinanza attiva come la necessità di tutelare i diritti umani e di farsi carico di compiti significativi e socialmente riconosciuti di servizio alla persona: verso gli anziani, i disabili, i malati, i bisognosi in genere. Attraverso la conoscenza dei diritti e dei doveri del cittadino si promuove la consapevolezza che solo trattando gli altri con dignità, si guadagna il rispetto per se stessi. In particolare la scuola sente la necessità di formare alunni che siano consapevoli delle grandi sfide che attraversano il nostro tempo (società multietnica e globalizzazione) e il bisogno di rafforzare la conoscenza dell'identità europea in un'ottica di apertura all'altro. Le lezioni avranno come obiettivo le competenze sociali e civiche previste al termine dell'obbligo di istruzione, naturalmente fondamentale si ritiene l’interazione con le famiglie.
COMPETENZE: 1)  Comprendere e interpretare gli articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'uomo, con particolare riferimento all’Art.26 ; 2) collocare l'esperienza personale in un sistema di regole a tutela della persona, della collettività e dell'ambiente; 3) comprendere l'urgenza che tutti i popoli possano vivere una vita dignitosa, in cui vengano garantiti i fondamentali diritti dell'uomo; 4) riconoscere l'importanza del dialogo tra culture diverse, per superare stereotipi e pregiudizi;
Obiettivi:   
-Riflettere sull'importanza fondamentale del diritto all'istruzione nella formazione della persona
- conoscere le diverse forme di razzismo
- conoscere i principi fondamentali della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo
-individuare il ruolo del cittadino nella vita democratica dello Stato
-conoscere il sistema-istruzione del proprio territorio individuandone le criticità (fenomeno della dispersione scolastica);

ATTIVITA' e MATERIALI:
Gli allievi leggono, comprendono, analizzano i seguenti testi e li commentano alla luce dell’articolo 26 tratto dalla Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo:
.”Mulo e l’istruzione negata”,  favola contemporanea di Dimitri Corradini
.Brano tratto dal libro“Cittadina di seconda classe”, di Budi Emecheta.
.Brano tratto dal libro “Non calpestate i nostri diritti”, di Lia Levi
.Brano tratto dal libro “ La scuola segreta di Nasreen”, di Jeanette Winter
.Brano tratto dal libro “ La matita magica di Malala”, di Malala Yousafzal
Visione e commento dei Film:
Vado a scuola di Pascal Plisson
"Il grande giorno: andare a scuola” nel mondo di Pascal Plisson

Strategie
Le strategie organizzative e le metodologie didattiche sono graduate all’età dei ragazzi apprendimento cooperativo, brainstorming, giochi di ruolo, confronto con gli altri, lavori di gruppo